Il volto ''sinistro'' dei Pentastellati
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il volto ''sinistro'' dei Pentastellati

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Il volto ''sinistro'' dei Pentastellati
Il volto ''sinistro'' dei Pentastellati

 

Ciò che è pubblico è di proprietà dello Stato e non dovrebbe essere considerato occupabile. Quanto è pubblico va rispettato ma oggi così più non è. Quanto è pubblico è considerato di nessuno e a disposizione del primo furbo e aggiratore delle leggi dello Stato.

Siamo oggi passati alle case ma il processo parte da lontano e dal termine Okkupazione introdotto dalla Sinistra eversiva, a ridosso degli anni Novanta. A quel tempo si occupavano università e scuole. Per quanto potesse sembrare per una causa giusta e a difesa dell'istruzione pubblica, in realtà il processo è andato a smuovere quei fili sottili che hanno portato gli studenti ideologicamente schierati a Sinistra a prendere potere e a porsi al di sopra degli stessi docenti. Allora erano i tempi del movimento studentesco La Pantera, oggi invece è la volta dell'antisemitismo di Sinistra che sotto un'unica bandiera fa passare ogni idea di progressismo e rivoluzionaria, illudendo che quanto proposto nel segno del cambiamento sia cosa buona. Grandi veicolatori del traguardo Cambiamento sono proprio i Pentastellati che senza più alcuna vergogna e alcun filtro vanno dritto ai loro obiettivi, infischiandosene di tutto e non ultimo della questione morale di cui si sono fatti paladini. Tutto per loro è possibile nel nome dell'onestà e della legalità, anche impossessarsi, scalando graduatorie e quanto altro, delle case popolari messe a disposizione dai comuni per i meno abbienti. In barba alla legalità e all'onestà, da sempre loro cavalli di battaglia, stanno prendendo le difese della signorina Salis e della sua posizione a riguardo dell'occupazione come alloggio personale della casa a Milano.

Per chi non lo avesse ancora capito, questa posizione politica va ad appoggiare quanto già supposto e va a incrociare la realizzazione di una forma di Comunismo sempre più vicina a quella cinese che non contempla affatto tra i diritti quello di proprietà di un immobile. Ancora prima dell'immobile di proprietà, del sistema bancario BCE sarebbe da considerarsi il conto personale depositato. L'azzeramento della moneta contante serve proprio a dare pieno potere alle banche che avendo già i loro riferimenti politici a Bruxelles, sarebbero capaci di tenere testa ai singoli governanti. Sarebbe questa la dissoluzione totale del rapporto diretto cittadino Stato e la cancellazione di ogni confronto democratico con chi ci rappresenterebbe e in realtà è una persona X che si nasconde ben protetta dietro lo schermo virtuale.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Supplemento di Cultura "La finestra sullo Spirito" del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001